Crea sito

Confidenza e riverenza vs stima e rispetto

Direttrice Marzia Saddi

Un antico adagio recita che “la confidenza fa perdere la riverenza”, in un certo senso è esatto, ma la stima e il rispetto si guadagnano anche donando un po’ di noi.

Quando si lavora in una brigata numerosa è necessario stabilire una gerarchia ma chi si trova a capo della sua brigata non deve adottare la tirannia, tantomeno essere amico con tutti.

Non guadagnerete la stima in nessuno dei due casi.

Essere una guida significa in primis dimostrare di essere in grado di ricoprire quel ruolo e di esserci arrivati senza bruciare le tappe, insegnare qualcosa che non si sa fare è impossibile, e se ne accorgono anche i collaboratori meno esperti che chi li gestisce è poco competente!

Stabilito che siamo lì perché ce lo meritiamo, dovremo guadagnarci la fiducia dello staff, essere sempre all’altezza della situazione.

Selezionare le persone che sono adatte al contesto è il primo passo, valutare le capacità di un collaboratore ancora in erba per condividere con esso quello che sappiamo è fondamentale, rendersi indispensabili non è mai la scelta giusta, non ci permette di avere la possibilità di evadere ogni tanto dal contesto.

Come farsi seguire?

Non fate promesse che già sapete di non poter mantenere, non anteponete le vostre esigenze a quelle degli altri, date sempre il buon esempio.

Capisco che ci abbiamo messo del tempo per uscire dalla gavetta, ma passare una scopa sul pavimento o pelare un sacchetto di patate non rovinerà la nostra immagine.