Crea sito

Castagnacci

Il castagnaccio è un piatto “povero” nel vero senso della parola, diffusissimo un tempo nelle zone appenniniche dove le castagne erano alla base dell’alimentazione delle popolazioni contadine. Dopo un periodo di oblio, iniziato nel secondo dopoguerra e dovuto al crescente benessere, è stato riscoperto e oggi è protagonista nel periodo autunnale di numerose sagre e feste.


La nostra pastry chef Antonella Forgione

INGREDIENTI

Per la pasta

  • 500 g farina 00
  • 15 g zucchero
  • 12 g sale
  • 50 g burro
  • 175 g vino bianco
  • Vaniglia q.b.
  • Scorza arancia q.b.
  • Scorza limone q.b.

Per il ripieno

  • 750 g castagne bollite
  • 750 g cioccolato fondente grattugiato
  • 125 g caffè
  • 150 g zucchero
  • Vaniglia q.b.
  • Liquore strega q.b.
  • Zucchero a velo q.b
  • Olio per friggere (di semi) q.b.

PROCEDIMENTO

Impastare in planetaria farina, zucchero, sale e burro, a filo incorporare il vino fino ad ottenere un impasto bello sodo.

Lascare riposare.

Per il ripieno cuocere le castagne nel latte e schiacciarle con lo schiaccia patate, grattugiare il cioccolato aggiungere il caffè, gli aromi e lo zucchero.

Mescolare bene.

Stendere la pasta molto sottile e creare degli spuntoni di ripieno, spennellare con dell uovo sbattuto i bordi della pasta e coprire con altra pasta.

Far aderire bene, tagliare con un taglia pasta rigato dei quadratini (ravioli) .

Una volta pronti friggere a 160/170 appena dorati scolare, asciugare e servire con zucchero a velo.

Si possono sostituire le castagne con della farina di castagne se si vuole.